Daniele D'Ambrosio PH

Book Fotografico

Marzo 31, 2021

De Caro

Palazzo Nobiliare 1625/1987

De Caro




Ci sono luoghi “nascosti” sotto gli occhi di tutti, in cui il tempo è fermo dal 1987, tra le vie di un piccolo paese.

Ho scoperto questa meraviglia grazie a Roberto, che mi ha accompagnato in questo bellissimo viaggio, aprendomi le porte del palazzo Nobiliare in cui dimorava la Famiglia De Caro, di origini Napoletane.

Il palazzo è stato costruito nel 1625, in stile rinascimentale, ha sull’architrave del portone d’ingresso  incisa una frase in latino: “Entrate in segno di amicizia” come a dire: “la casa ha le porte aperte, se entrate come amici”.

Gli affreschi dai colori sgargianti sulle volte a cielo di carrozza e le pitture murali che riaffiorano, sono i primi dettagli che contraddistinguono la nobile dimora, i lampadari pendenti e le mobilie in legno intagliato arricchiscono le stanze e raccontano il benessere e la ricchezza che solo i nobili potevano avere. Queste sono le uniche impronte rimaste di un passato che ad oggi possiamo solo immaginare.

Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato Palazzo Nobiliare arredato Abbandonato

Questo palazzo farà parte del mondo UrbeX ancora per poco, in quanto verrà preservato dall’attuale amministrazione comunale, che lo ha tolto dai beni da dismettere, per una riqualificazione a breve e come Roberto mi ha precisato, con orgoglio, “La memoria và preservata, tutelata e VALORIZZATA, non venduta”.




TAG: Palazzo nobiliare dei De Caro, Italia, Abruzzo, Pianella, Casa, Chiuso, Abbandonato, Urbex, Urban Exploration, Daniele D'Ambrosio Fotografia